PEPE DI TUTTI I COLORI: IL RE DELLE SPEZIE


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Il pepe, la spezia più comune al mondo. Dalle sue bacche, che si sviluppano in grappoli, si ottengono diverse tipologie di pepe, a seconda del momento in cui vengono raccolte.

PEPE NERO

Le bacche del pepe nero vengono raccolte prime che maturino completamente, quando da versi assumono un colore più tendente al rosso: più acerbe sono più il pepe avrà sapore e profumo intensi.
Dopo la raccolta le bacche vengono lavate e fatte essiccare per una decina di giorni in modo che si disidratino e si ossidino, assumendo il colore scuro che le caratterizza.
Il sapore deciso, intenso e piccante fa si che il pepe nero venga utilizzato soprattutto per carni, zuppe e verdure.

PEPE VERDE

Si ottiene dalle stesse bacche da cui si ottiene il pepe nero, ma le bacche in questo caso, vengono raccolte quando sono completamente acerbe. Per questo motivo mantengono il colore verde.
Dopo la raccolta possono essere essiccate o conservate in salamoia, in quest’ultimo caso il pepe avrà un gusto più morbido e un aroma più ricco. Caratterizzato da un sapore intenso ma poco persistente il pepe verde viene utilizzato per la preparazione di salse piccanti.

PEPE BIANCO

Anche il pepe bianco deriva dalle bacche del Piper Nigrum raccolte però quando sono bene mature e poi lasciate in vasche di acqua per settimane, fino a quando non perdono la pellicola esterna di colore rosso.
In seguito le bacche vengono fatte essiccare fino a che non assumono un sapore meno forte rispetto al pepe nero o verde.

PEPE ROSA

Il pepe rosa deriva dalle bacche di un arbusto di origine sudamericana. Caratterizzata dalla buccia sottile e dalla consistenza morbida, che le rende facili da sminuzzare, le bacche rilasciano il loro aroma solo se vengono schiacciate. Hanno un sapore decisamente dolce , con un leggero tocco di piccante e vengono essenzialmente utilizzate per la preparazione di salse delicate.

Previous PASTA ALLA NORMA: LA RICETTA LEGGENDARIA
Next ZUPPA DI CAROTE AL CURRY, UN’IDEA STUZZICANTE

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *