PSYCHO DI LA BUTTIGA – BIRRA DI PIACENZA


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Produttore: La Buttiga (Piacenza, PC)
ABV: 7,1%
Formato: 33 cl
Lotto: L0716

LA BIRRA

Il birrificio artigianale La Buttiga nasce a Piacenza nel settembre 2011 sotto l’egida del motto “Bevi come un toro”. In pochi anni i soci fondatori hanno già cambiato sede (attualmente l’impianto è situato in un’antica corte cinquecente-sca) e aumentato la capacità produttiva più volte, ampliando la rete di distribuzione a livello nazionale e incrementando costantemente il numero di etichette offerte al pubblico. A oggi il riferimento principale rimane la tradizione brassi-cola angloamericana, con alcune divagazioni in terra belga e le birre prodotte sono tutte ad alta fermentazione, fatta eccezione per una Pils. Nella gamma della Buttiga spicca la Psycho, Imperial IPA che si classifica terza a Birra dell’anno 2014 nella categoria 9 (Chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, d’ispirazione angloamericana) e riceve la menzione come Birra quotidiana nella Guida alle birre d’Italia 2015 di Slow Food.

L’ASSAGGIO

Una Imperial IPA ben fatta è una birra dai sapori forti. Essa dovrebbe caratterizzarsi per spiccati aromi di luppolo, un amaro intenso, persistente e pulito, ma al contempo mantenere comunque una buona bevibilità. Ritroviamo queste caratteristiche nella Psycho, che nel bicchiere si presenta ambrata tendente all’arancione, velata, con schiuma beige a grana media, di ottima persistenza. Aromi intensi di luppoli americani e oceanici (pompelmo e mango) con note bal-samiche ed erbacee in tono minore, che sovrastano una base maltata tendente al caramello. Un filo di alcol è percepi-bile a naso, ma si tratta di una presenza ben integrata e tenuta sotto controllo. In bocca si percepisce brevemente ma nettamente il dolce iniziale con retrolfatto di malto leggermente tostato (pane e cracker), ma poi avanza deciso l’amaro, che persiste lungamente sul palato. Il retrolfatto presenta sentori resinosi e balsamici, oltre che naturalmente agrumati e la chiusura è abbastanza pulita. La bevibilità – caratteristica molto importante nello stile – è preservata, complice un corpo e una carbonazione medi. Nel complesso Psycho è certamente una birra adatta agli amanti delle luppolature abbondanti e dell’amaro estremo (99,8 IBU dichiarati), realizzata correttamente e quindi molto godibile. Una Imperial IPA da bere e non da sorseggiare.

Previous BOCCONCINI DI BUFALA FARCITI: GUSTO E SEMPLICITA’ IN UN UNICO PIATTO
Next FESTA DEL LARDO DI ARNAD. IL PROTAGONISTA DELLE TAVOLE VALDOSTANE