SMOKY DI BIRRIFICIO RURALE


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Nome: Smoky
Produttore: Birrificio Rurale (Desio, MB)
ABV: 5,6%
Formato: 33 cl
Lotto: L328

LA BIRRA

Abbiamo già dedicato una recensione al Birrificio Rurale e abbiamo già spiegato cos’è una Rauchbier, la birra prodotta con malto d’orzo affumicato su legno di faggio tipica della città tedesca di Bamberg. In questo articolo parleremo della Smoky, una Rauchbier realizzata proprio da questo birrificio brianzolo. La particolarità sta nel fatto che dietro alla ricetta della birra c’è lo zampino di Giuseppe “Peppo” Galati, homebrewer con esperienza decennale e vincitore nel 2015 del campionato italiano di categoria organizzato da MoBI. Nel 2009 Peppo crea insieme alla moglie Chiara il blog “Microbirrificio casalingo Il Vicolo” con lo scopo di condividere i di lui esperimenti birrari e i di lei esperimenti di pasticceria. Smoky nasce quasi per caso, in un periodo in cui Giuseppe stava perfezionando la sua Kölsch Madchë, in seguito all’assaggio di alcune birre affumicate dell’homebrewer Italo Manca, campione italiano MoBI 2014. L’occasione di produrre Smoky si concretizza in occasione del matrimonio di un amico del forum di Areabirra.it, che aveva chiesto a Giuseppe e a una quindicina di “colleghi” homebrewer di produrre ciascuno 20 litri di birra per la sua festa nuziale. A questo punto della storia entra in scena il Birrificio Rurale, che Peppo conosce nel 2013, anno del trasferimento della società a Desio (MB). Da subito Giuseppe stringe un ottimo rapporto con il birraio Lorenzo Guarino, facendogli assaggiare le sue ricette casalinghe e ottenendo riscontri positivi. Superata la timidezza iniziale, nell’estate del 2015 Peppo chiede di poter assistere a una cotta e porta qualcuna delle sue creazioni da provare, tra le quali c’è proprio la Smoky. Evidentemente quella birra così particolare convince lo staff del birrificio e dopo alcuni mesi viene messa in cantiere una produzione in scala reale sull’impianto, lasciando però immutata la ricetta originale di Giuseppe.

L’ASSAGGIO

Smoky ha una bella tinta ramata, con schiuma color avorio a grana fine e buona persistenza. Lievissima è la velatura e ottima la fluidità. L’aroma è tipico di una Rauchbier: affumicatura mediamente intensa e base di orzo maltato leggermente tostato (pane e crosta di pane, lievissimo miele), complementari ma percepibili distintamente. Chiudono il cerchio leggerissime note erbacee di luppolo. Nel complesso l’aroma è estremamente piacevole, pulito ed equilibrato. L’imbocco dolce e maltato prelude a una chiusura abbastanza secca e ben bilanciata dall’amaro della luppolatura. Il retrolfatto è ancora una volta dominato dai malti, sia nella versione “base” (crosta di pane – intensità e persistenza medie) che in quella affumicata (intensità e persistenza medio-elevate). Pur essendo una birra semplice e orientata decisamente verso la componente maltata, non è mai stucchevole o monotona. Il corpo medio, la carbonazione volutamente bassa e il grado alcolico moderato sono garanzia di una grande facilità nella bevuta, come impone lo stile. Smoky: una birra 100% amicizia e passione birraia.

Previous I Like Italian Food al Gola Gola Festival
Next LA NUOVA TENDENZA: IL CAMPEGGIO GLAM