A PIACENZA IL MERCATO DEI VINI FIVI. LA V^EDIZIONE IL 28 E 29 NOVEMBRE


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

La 5^ edizione del “Mercato dei Vini dei Vignaioli indipendenti” si terrà sabato 28 e domenica 29 novembre 2015 a Piacenza Expo, con 312 espositori, provenienti da ogni regione italiana, un’area per gli Artigiani del cibo, con formaggi, salumi, pani tradizionali, dolciumi e quattro degustazioni a tema per approfondire la conoscenza dei territori.
L’appuntamento è organizzato dalla Fivi, la Federazione Italiana che raccoglie i Vignaioli indipendenti, in collaborazione con la Fiera di Piacenza. Tutti i vignaioli Fivi seguono direttamente l’intera filiera produttiva: dalla vigna fino alla bottiglia.

LA MANIFESTAZIONE E LE PREMIAZIONI

Quest’anno inoltre è stato organizzato anche un contest fotografico: Indipendenti per natura che sarà oggetto di premiazione al termine della manifestazione. Infatti, Otre ai banchi di assaggio durante i due giorni sono in programma degustazioni guidate, assaggi gastronomici e premiazioni. In particolare la consegna del Premio Romano Levi al Vignaiolo dell’Anno e quella ai vincitori del contest fotografico #indipendentipernatura. Il contest ha previsto la possibilità di inviare una immagine che raccontasse il tema della natura postandola sui canali Facebook, Twitter, Instagram. Primo premio un week-end in un agriturismo della Maremma, dal secondo al quinto classificato una selezione di vini dei soci Fivi. Le foto più belle diventeranno una mostra fotografica durante la manifestazione negli spazi della fiera.

IL PROGRAMMA

A Piacenza quindi non ci saranno solo vini da degustare, con oltre 2000 etichette disponibili, ma il visitatore potrà immergersi nell’Italia vitivinicola attraverso l’incontro diretto con chi coltiva l’uva e produce personalmente il vino. Vignaioli che attraverso il proprio lavoro sono divenuti custodi del territorio e oggi ne sono narratori appassionati e autentici. Si potranno così conoscere le varietà, le tecniche di produzione, le difficoltà e le soddisfazioni di un’agricoltura legata alle tradizioni e aperta alle sfide di domani.
Tra gli appuntamenti in programma da non perdere ricordiamo le quattro degustazioni guidate per conoscere da vicino i territori e i produttori che li hanno nobilitati.

Previous SOUFFLÈ AL RADICCHIO, LA RICETTA PER PALATI DELICATI
Next PANDOLCE, IL DOLCE TIPICO NATALIZIO DELLA LIGURIA

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *