MILANO GOLOSA , TRE GIORNI DI SAPORI E PRELIBATEZZE


All’ interno del Palaghiaccio di Milano il 3, 4 e 5 ottobre andranno in scena 180 selezionati produttori che metteranno in mostra e faranno assaggiare le migliori specialità del territorio italiano.
Per la prima volta quest’anno la manifestazione sarà accompagnata anche dal “Fuori Milano Golosa”, altre location milanesi verranno infatti coinvolte e saranno luogo di cene tematiche, incontri gastronomici, degustazioni dove i protagonisti saranno sempre i produttori che prenderanno parte alla kermesse.

IL PROGRAMMA

Conoscere, fare, assaggiare: ovvero cultura del cibo, cucina e degustazione. Queste le parole chiave della tre giorni, ricca di appuntamenti che spazieranno da incontri con esperti del settore e artigiani a corsi e laboratori guidati da professionisti, con il coinvolgimento dei visitatori. Ma il piatto forte saranno come sempre gli assaggi, con abbinamenti anche insoliti ed esperienze golose che condurranno i consumatori dritti al cuore dell’evento: la degustazione di prodotti di qualità e il contatto diretto con i produttori, per diventare consumatori consapevoli.
L’obiettivo di Milano Golosa – sottolineano gli organizzatori – non è solo stuzzicare il palato, ma anche proporre un momento di cultura gastronomica, per acquisire maggior consapevolezza nelle scelte alimentari quotidiane.

LE PARTICOLARITA’

Tra le particolarità di questa edizione 2015 meritano di essere segnalate: il cioccolato modicano biologico, prodotto con una lavorazione a freddo dei semi di cacao; la saporitissima passata di pomodori gialli del Piennolo (spunzilli); il pecorino di Farindola affinato nel cacao; il “dulce de leche” nella sua versione italiana, prodotto da una azienda abruzzese; la confettura di peperoni friggitelli prodotta da una azienda toscana: una delizia sia con i formaggi che nelle zuppe; il bollito sottovuoto.
Milano Golosa sarà anche l’occasione per far apprezzare al pubblico alcuni prodotti regionali poco conosciuti e proporre degustazioni insolite tra cui ad esempio: la crescia di Urbino, una specialità marchigiana simile alla piadina, i peperoni cruschi di Matera, i dolci valdostani Panciucco e Pain de Saint Ours; i deliziosi droneresi di Dronero (CN), simbolo della tradizione dolciaria piemontese.

Tutte le info su milanogolosa.it

Previous LINGUINE CON TONNO AFFUMICATO E POMODORO FRESCO
Next TARTELLETTE DI PASTA FROLLA CON FRUTTA FRESCA

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *