STABIA WINE EVENT: LA SECONDA EDIZIONE A CASTELLAMMARE


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Dopo il gran successo di pubblico riscosso nella passata edizione Stabia Wine Event torna per valorizzare le attività produttive del Golfo di Napoli. Non perdete l’appuntamento in programma il prossimo 21 giugno!

L’EVENTO E IL PROGRAMMA

Attraverso un percorso di degustazione enogastronomica di alcune etichette di vino più prestigiose in Italia e i capolavori di arte culinaria di chef e attività ristorativo campane, la kermesse ha l’obiettivo di promuovere,anche dal punto di vista turistico,tutte le aziende presenti e i main sponsor che hanno appoggiato il progetto come Banca di Credito popolare di Torre del Greco e il Grand Hotel La Medusa.
Come per la passata edizione l’intero incasso sarà devoluto in beneficenza alla Onlus Trame Africane.
Durante lo svolgersi dell’evento si susseguiranno i vari focus in un itinerario per far vivere un’esperienza sensoriale di gusto e di sobria osservazione; intermezzi fashion e musicali allieteranno la serata.

LA MISSION

È la Campania delle tradizioni e dei sapori artigianali che parla delle attività imprenditoriali di salumi e formaggi tipici, gustosi stuzzichini , pani , biscotti e piatti freddi che sono proposti in abbinamento ai vini più prestigiosi, saggiamente suggeriti dagli esperti di enogastronomia, presenti per curare i desideri degli ospiti rendendo ogni momento di degustazione un’esperienza di piacere per tutti i sensi.
Con questo evento l’organizzazione Stabia Wine continua il progetto di valorizzazione del patrimonio delle infrastrutture e della cultura enogastronomica locale, creando contaminazioni tra i vari elementi protagonisti con l’intento di incuriosire quella parte di pubblico giovane attraverso l’offerta di socialità e conoscenza delle realtà produttive nazionali potendo contare sulla partecipazione e presenza di competenti operatori del settore.
La mission? Valorizzare al meglio la dimensione che gravità intorno al “bere e mangiare di gusto”.

Previous “TAGLIATELLE” DI SEPPIE E PISELLI SU PASSATA DI POMODORO CRUDO
Next LA PORTA DEL PIEMONTE: IL BASSO MONFERRATO