PILS DEL BIRRIFICIO VETRA


Nome: Pils
Produttore: IBIB srl (Caronno Pertusella, VA)
ABV: 4,9%
Formato: 33 cl
Lotto: L02

LA BIRRA

Vetra è un birrificio lombardo avviato nel 2016 per volontà di un gruppo di amici appassionati di birra. Ad oggi non è facile reperire informazioni sul neonato progetto: il sito web è in fase di costruzione e i profili Facebook e Instagram non danno informazioni dettagliate sulla breve storia dell’impresa. Il birraio è Stefano Simonelli, professionista con alle spalle anni di esperienze italiane ed estere, mentre l’impianto ha luna capacità produttiva di 30 hl. Attualmente Vetra offre al pubblico 5 birre: Pils, Pale, IPA, Saison e Black. Il nome del birrificio rimanda a piazza Vetra, polo milanese della cultura alternativa e fa il paio con il motto “Birra da strada” che compare sulle bottiglie. Controcorrente, se vo-gliamo, è anche la scelta di etichettare le birre semplicemente con il riferimento allo stile, senza inventarsi nomi di fan-tasia, con un approccio minimalista che ritroviamo anche nel packaging, essenziale ma al tempo stesso molto curato e di grande impatto grafico.

L’ASSAGGIO

La Pils si presenta nel bicchiere con un bel colore giallo paglierino e una leggera velatura. La schiuma è bianca a grana fine, con ottima persistenza. La birra è fluida. Inizialmente si percepiscono gli aromi dati dai luppoli, che rimandano all’erbaceo e al floreale, con piacevoli note di fieno (intensità media). Segue la rotondità del malto: pane bianco e miele d’acacia (intensità medio-bassa e di supporto al luppolo). L’aroma complessivo è fresco ma delicato, certamente meno “esplosivo” di altre birre italiane in stile Pilsner, ma proprio per questo estremamente equilibrato. L’imbocco è dolce, mentre il finale è amaro, secco e molto pulito, come prevede lo stile. Nel retrolfatto ritornano prima l’erbaceo, poi un debole ricordo di cracker e miele e infine di nuovo note di luppolo e di camomilla, che permangono abbastanza a lungo dopo la deglutizione. La Pils è davvero facile da bere, complici un corpo medio, una carbonazione medio-bassa e un grado alcolico di appena 4,9%. Birra senza fronzoli ma precisa, con le materie prime in bella mostra, che non cede agli estremismi nella luppolatura e proprio nella moderazione ha il suo punto di forza. Si tratta di una birra che grazie al suo equilibrio e alla sua delicatezza può piacere tanto ai consumatori “esperti” quanto a chi si avvicina per la prima volta al panorama artigianale. Birra di strada quindi, ma con classe.

 

Scoprite su ilikeitalianfood.com la selezione di birre artigianali!

Previous CASTELLO BONOMI, TENUTE IN FRANCIACORTA
Next BOSCO DEL MERLO: LA RICERCA DELLA QUALITA’ SENZA COMPROMESSI