VERONA: UNA CITTA’ DA GODERSI CON CALMA


Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Abbiamo parlato di Verona , degli eventi che la animano, dei piatti che la caratterizzano, ma è una città che merita più di qualche accenno. Vi invitiamo a visitare Verona per scoprire gli innumerevoli tesori d’arte e una cucina tra le più ricche del nostro Paese.

COSA VEDERE A VERONA IN 48 ORE

Situata tra le anse del fiume Adige, è una delle più affascinanti città d’arte della penisola italiana.
La visita di questa città, quasi senza dubbi, parte dalla rinomata Arena, grande anfiteatro romano in pietra, praticamente oggi intatto nonostante i 2000 anni di vita e i numerosi restauri che dal ‘600 l’hanno interessata; situata nel centro storico e icona – insieme a Romeo e Giulietta- della città veneta è sede di una delle stagioni liriche più importanti d’Italia è meta di turisti in ogni stagione.
Passeggiando attraverso le vie del centro storico si raggiunge la Casa di Giulietta, con il celebre balcone immortalato nella tragedia shakespeariana. Da qui si tocca Piazza delle Erbe, la piazza più antica di Verona che sorge sopra l’area del foro romano. Incorniciata da palazzi medioevali, da secoli è animata dalle variopinte bancarelle di frutta e verdura.
Camminando tra i vicoli tortuosi si raggiunge infine la sponda dell’Adige e il Ponte Pietra, anch’esso di origine romanica nonché l’unico ponte rimasto a testimonianza dell’architettura di quell’epoca, anche se in parte rifatto a seguito dei gravi danni subiti durante la Seconda Guerra Mondiale.
Non potrà mancare poi una visita al Duomo e una sosta in ammirazione dell’Assunzione della Vergine del Tiziano, dipinto su tela di inestimabile valore, risalente all’epoca Rinascimentale, che decora una delle cappelle laterali.
Si arriva infine alle pendici del Colle di San Pietro, dalla cui cima si può godere un panorama incantevole sulla città e dove è situato il Teatro Romano, sede delle rappresentazioni estive della drammaturgia di Shakespeare.
Per organizzare una gita a Verona potete contattare il punto IAT preposto www.tourism.verona.it

Previous SFORMATO DI VERDURE CON SCAGLIE DI GRANA E TARTUFO
Next CUCINARE AL VAPORE: LA PENTOLA A PRESSIONE

No Comment

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *